1 1 1 1 "Serenissime trame" del '500 alla Ca' d'Oro Quadri come tappeti, tappeti come quadri. Oggetto domestico o necessario strumento di preghiera, il tappeto aveva già incantato Marco Polo, che ne raccontava la grande bellezza. Durante il Rinascimento arrivarono in Europa, e in primis a Venezia, dall'Oriente questi preziosi manufatti dai colori vividi e dalle trame ricercate, decorati con motivi geometrici e arabeschi o con disegni ispirati alla natura. Apprezzato oggetto d'arredo nelle case più blasonate, il tappeto divenne irrinunciabile protagonista di opere pittoriche entrando nelle tele dei Maestri come Filippo Lippi, il Ghirlandaio, Vittore Carpaccio, Hans Holbein, Lotto o Tintoretto. A tal punto che il nome di alcuni pittori si utilizza tutt'ora per identificare determinate tipologie di tappeti, come per gli anatolici "Tintoretto", "Holbein", "Lotto".

E' una delle storie che rivela la mostra "Serenissime Trame". Tappeti dalla Collezione Zaleski e dipinti del Rinascimento" fino al 23 luglio alla Galleria Giorgio Franchetti alla Ca' d'Oro di Venezia, che presenta 26 tappeti dal vicino Oriente scelti dalla vasta collezione Zaleski, tra le più importanti al mondo. A cura di Claudia Cremonini, Moshe Tabibnia e Giovanni Valagussa, prodotta dal Polo Museale del Veneto e dalla Fondazione Tassara di Brescia, la rassegna accosta ai tessili quattro-cinquecenteschi, sei dipinti di autori rinascimentali che inseriscono i pregiati manufatti all'interno di rappresentazione sacre e profane. Nel "Ritratto di gentiluomo" (1550, Firenze, Gallerie degli Uffizi) di Francesco Beccaruzzi, il tappeto in primo piano presenta bene alla vista il motivo ottagonale centrale della decorazione, permettendo di riconoscerlo come un "Holbein" a grandi disegni come quello della collezione Zaleski esposto poco distante.

Nell'affresco strappato e trasposto su tela di Vincenzo Foppa non a caso noto come "Madonna del Tappeto" (1485, Milano, Pinacoteca di Brera) torreggia sul davanzale un maestoso tappeto a fondo rosso, mentra nella grottesca "Allegoria di Ercole" (1540, Firenze, Gallerie degli Uffizi) di Dosso Dossi, il tappeto anatolico è forse inserito come elemento esotico. 

Tappeti in interno ed esterno nei due teleri del Carpaccio "Visitazione" (152-1504, Galleria Giorgio Franchetti) e "Nascita di Maria" (1502-1504, Bergamo, Accademia Carrara); nella "Madonna dell'ombrellino" (1530, Verona, Museo di Castelvecchio) di Girolamo dai Libri, il basamento del trono della Vergine è ricoperto con un tappeto "Lotto". 

Ai lati dell'opera pittorica ecco due splendidi esemplari del genere della splendida collezione Zaleski. Sono una gioia per gli occhi, le opere tessili esposte. E la mostra è tante storie. Storie di religioni, di ambienti e luoghi, collezionismo e mecenatismo. Come quello di Zaleski e dello stesso Franchetti. 

Sede: Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, Cannaregio 3932, 30121 Venezia

Date della mostra: 23 marzo – 23 luglio 2017

Orari: Lunedì: 8:15 – 14:00 (chiusura biglietteria alle 13:30); martedì – domenica: 8:15 – 19:15 (chiusura biglietteria alle 18:45), chiuso il 1 maggio Ingressi:Gallerie Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro 

(mostra+Museo):
Intero  13,00 euro;  ridotto  6,50 euro;  Ridotto speciale: € 11,00 (convenzioni)Gallerie Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro 

(mostra+Museo) + Palazzo Grimani:Intero: € 14,50; Ridotto: € 7,25;  Ridotto speciale: € 12,50 (convenzioni) 

Trasporti Da Piazzale Roma o Ferrovia vaporetto linea 1, direzione Lido, fermata Ca’ D’Oro (circa 10 minuti)Da Piazza San Marco vaporetto linea 1, direzione p.le Roma, fermata Ca’ D’Oro (circa 20 minuti) 

Prenotazioni: 041/5200345Il catalogo della mostra è pubblicato da Marsilio Editori.  

Ca' d'Oro
Torna all'archivio
2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 5 5 5 5 6 6 6 6 7 7 7 7
10 10 10 10
Scopri cosa fare a Venezia
 
Clicca sulla data che ti interessa per vedere gli eventi di ArteMusicaVenezia