1 1 1 1 I colori della laguna: Giuseppe Gambino in mostra alla Fondazione Bevilacqua La Masa "Il giorno del mio arrivo ho camminato per ore con la valigietta in mano. Ero stregato: questa è la mia città, mi sono detto": è un brano tratto dalle pagine di un quaderno-diario di Giuseppe Gambino, pittore, nato nel 1928 a Vizzini (Catania) e vissuto nei posti dove suo padre, impiegato delle Belle Arti, veniva assegnato. Tra questi, Modena con la Galleria Estense su cui "imperava" quel Pietro Zampetti che si prodigò poi in suo favore con paterno affetto. Per il giovane - ancora sofferente per le atroci violenze subite dai tedeschi nell'ultimo anno di guerra - la città lagunare divenne il sito ideale per creare la propria pittura, a fianco di colleghi a lui vicini nelle convinzioni figurative (Gianquinto, Borsato, Barbaro, Paolucci, Licata, Magnolato); e lì ritrovò Zampetti in veste di direttore delle Belle Arti, che gli organizzò nel 1954 una personale alla Bevilacqua La Masa, consacrandolo "pittore veneziano". L'evento che oggi porta a ricordarlo, a più di vent'anni dalla sua scomparsa, è il suo ritorno nelle sale della Fondazione Bevilacqua La Masa, con un'ampia panoramica di dipinti realizzati dal 1944 al 1996. Le tele, scelte dal curatore e portate nelle sale di Piazza San Marco, sono disposte in ordine cronologico nelle serie che le caratterizzano. "Figure" (all'aperto, in interni, sul lavoro, caratteristici pretini e suore, carabinieri, Madonne con Bambino), "Nature morte" e "Paesaggi", romani, spagnoli e soprattutto veneziani: dapprima le isole lagunari e poi le chiese e le "palazzate", che per gli urbanisti sono quelle file di edifici monumentali che qui costituiscono una caratteristica basilare.

28 gennaio > 25 febbraio 2018
Galleria di Piazza San Marco
dal mercoledì alla domenica
dalle 10.30 alle 17.30, entrata libera 

Fondazione Bevilacqua La Masa
Torna all'archivio
2 2 2 2 3 3 3 3 4 4 4 4 5 5 5 5 6 6 6 6 7 7 7 7
10 10 10 10
Scopri cosa fare a Venezia
 
Clicca sulla data che ti interessa per vedere gli eventi di ArteMusicaVenezia